Nuova sede del Consorzio di Sviluppo Industriale di Matera: l’Ente Provincia non risponde da oltre un anno

Ripulite aree verdi e canali nelle zone industriali di Pisticci e Ferrandina
14 Ottobre 2021
Aree industriali rimesse a nuovo dai precari del reddito Minimo
19 Ottobre 2021
Ancora nessuna risposta dalla Provincia di Matera, in merito alla richiesta di trasferimento degli uffici della sede del Consorzio di Sviluppo Industriale negli spazi dell’Ente di Via Ridola a Matera. La richiesta da parte del Consorzio è stata inviata il 23 luglio 2020.
Dopo il sopralluogo del 21 luglio 2020 da parte dell’Amministratore Unico del Consorzio Rocco Fuina, assieme ai propri tecnici, è emersa la sostanziale idoneità dei luoghi. Dall’amministrazione Provinciale, nonostante diversi solleciti (l’ultimo del 15 Giugno 2021) non si è avuto nessun esito.
“La scelta di dislocare gli uffici presso l’ente provinciale – afferma Rocco Fuina – è stata dettata dalla volontà di concentrare in un’unica sede, tutti gli enti a carattere provinciali per  facilitare l’accesso ai servizi da parte di imprese e cittadini, ridurre i tempi di gestione delle pratiche soprattutto nell’ottica dell’ottimizzazione delle risorse e della spending review, poiché il Consorzio contribuirebbe a ridurre le spese generali”.
La sede della Provincia di Matera accoglie diversi enti a carattere provinciale come EGRIB, APEA, ed inoltre sembra che da un paio di settimane la Regione Basilicata abbia identificato dei nuovi locali che ospiteranno gli uffici dei gruppi consiliari, attualmente presenti all’ultimo piano del palazzo della Provincia di Matera che verrebbero liberati nel giro di qualche settimana, aumentando la disponibilità dell’ente e favorendo il trasferimento dell’Consorzio di Sviluppo Industriale.
“Auspico – conclude Fuina- che questa riorganizzazione degli spazi possa essere l’occasione giusta per l’avvio del processo di trasferimento del Consorzio di Sviluppo Industriale della Provincia di Matera presso la nuova sede, pertanto chiedo al Presidente Marrese un’accelerazione nella risposta che metta fine a questa lunga e agognata attesa, centralizzando sempre più il ruolo chiave dell’ente provinciale”.
Matera, 18 ottobre 2021